Festival dell’Oriente, kung-fu, rane e conigli

Amedeo Anfuso News

Festival dell'Oriente, kung-fu, rane e conigli

Image

Il Festival dell’Oriente.
Un evento bello, un evento grande, un evento orientale… ma anche occidentale, e per questo, un evento totale. Una campana tibetana, un kimono oppure un obi, la preziosa forma di arte tessile che i giapponesi hanno sviluppato nel loro secolare isolamento. Lo stesso isolamento che li ha limitati e imprigionati nella loro cultura ma che gli ha anche permesso di penetrarla, per arrivare a toccare il centro e il succo di quel complesso concetto che spesso viene identificato sotto il suono “universo”. Nasce così lo zen: una capacità di vivere l’arte in ogni apparentemente banale e superflua azione.

Il festival dell’Oriente si terrà a Torino dal 15 al 17 e dal 22 al 24 marzo. Perché parlarne e promuoverlo? Perché penso che Uroboro sia un evento bello, un evento grande, un evento orientale… ma anche occidentale, e per questo, un evento totale. Perché Uroboro venne influenzato da questa manifestazione durante la sua fase di germoglio, ormai qualche anno fa, e letteralmente porta in scena una parte del festival e delle sue molteplici arti.

Ancora una volta, Uroboro si macchierà dell’esistenza del Festival dell’Oriente. Non svelo nient’altro, ma la nostra prossima replica si farà in grande.

Sebastian O’Hea Suarez

Video source missing