Frammenti di CrashTest Festival

Amedeo Anfuso News

Frammenti di CrashTest Festival

Image

Foto di Loris Lorenzini

Ci sono situazioni teatrali che ci ricordano, prepotentemente, la bellezza infinita del nostro lavoro, portando in alto sogni e speranze.

Il CrashTest Festival è una piccola isola scalpitante e felice con al centro una grossa casa (reale, non metaforica) che è diventato un punto di ritrovo in cui giovani figliuoli si incontrano con artisti, critici teatrali e insegnanti, e condividono il tempo, la fatica, il cibo.

Per noi è stato meraviglioso lasciarci scivolare in questa atmosfera di festa e creatività, attraversare i laboratori delle altre compagnie, lavorare per una mattinata con i ragazzi , fare improvvisazioni insieme, andare in scena di fronte a un pubblico variegato e accogliente, trovarsi alla fine della giornata stanchi, stravolti e felici.

Ancora ci viene da sorridere a pensare alla prima sera, a mezzanotte, quando usciti dalla macchina veniamo travolti da voci festanti, dalla lunga tavolata in sala da pranzo dove appaiono (magicamente) affettati e formaggio, e da ragazzi che si siedono subito con noi e iniziano a chiacchierare come se fossimo compagni da sempre. Pensiamo agli abbracci che ci hanno stretto prima di andare in scena e a fine spettacolo, a un playback di gruppo di Rino Gaetano, a quanto sia stato facile lavorare con i ragazzi, vederli sperimentarsi e giocare insieme, sentirli, dopo lo spettacolo, farci ancora domande, e trovarli poi al tavolo della colazione con gli occhi ancora chiusi ma pronti a porgerci del caffè.

Ringraziamo ognuno di loro, l’associazione Livello 4 per la magia che è riuscita a creare, tutta la giuria, Roberto Cuppone che ha promesso che tornerà a vedere lo spettacolo tra un anno, le ragazze del laboratorio di critica teatrale, le compagnie con cui abbiamo passato questi giorni (Siro Guglielmi, Azul Teatro e i Barbe à Papa Teatro), tutto il pubblico che ha condiviso con noi il nostro lavoro.

Grazie.

Video source missing