Leopardi impagliava gli animali

Andrea Spione News

Leopardi impagliava gli animali

Image

Siamo stati per una settimana insieme ai ragazzi del liceo scientifico Volta di Torino.

Alle nove ci incontravamo nella palestra grande, appello, e poi due ore di teatro e scrittura scenica. Abbiamo lavorato su piccoli brani, soprattutto su frammenti dei Promessi Sposi (noi ce li siamo dovuti ripassare un po’, ammettiamolo) ma anche Calvino, Napoleone, Shakespeare, Cecco Angiolieri e Gigi Proietti. Ci siamo sforzati di immaginare il protagonista del brano, di disegnarlo e descriverlo; sono venuti fuori soldati magri senza denti, frati cicciottelli e una donna molto truccata. Abbiamo cercato di avvicinare il testo alla vita dei ragazzi, di sviluppare ipotesi, domande e passatempi contemporanei per personaggi storici. Così abbiamo raccontato un Napoleone che amava prendere una sedia e alzarsi in piedi davanti allo specchio, un Cecco Angiolieri incazzato perché nessuno comprava la sua frutta, Lucia che guardava Gossip Girl e Leopardi che nei lunghi pomeriggi piovosi impagliava animali.

Abbiamo riscritto i brani mescolandoli con le nostre emozioni, scoprendo che Don Abbondio ha per i bravi la stessa paura che potrei avere io quando mi preparo per un concerto al pianoforte e il soldato russo si sente solo come me durante l’interrogazione quando nessuno mi suggerisce. Abbiamo cambiato parole, tempi e personaggi ricreando la poesia “S’i fossi foco” o il brano dell’azzeccagarbugli nei Promessi Sposi. Sono state mattinate in cui ha corso veloce la creatività e la fantasia dei ragazzi intrecciandosi con materiali scolastici. Crediamo che lo studio possa attraversare il gioco e da questo prendere forza e rimanere più vivido nella nostra mente, non esistono nozioni ma storie che impariamo ad amare e raccontare.

Video source missing